Astarte - Praga

Attraversata dalla Moldava (Vltava in ceco), la città di Praga è capitale della Repubblica Ceca dal 1992, dopo essere stata per più di un millennio centro politico e culturale della Boemia, e aver brevemente ricoperto il ruolo di capitale del Sacro Romano Impero tra il XIV e il XV secolo. Nei secoli è stata soprannominata la madre delle città (Praha matka měst), la città delle cento torri (Stověžatá Praha) e la Città d'Oro (Zlaté město). Si sviluppa su nove colli - il Letná, il Vítkov, l'Opyš, il Větrov, la Skalka, l'Emauzy, il Vyšehrad, il Karlov e il Petřín, quello più alto - e alcuni di questi coincidono con altrettanti quartieri, come il Vyšehrad che ospita il primo leggendario centro cittadino e costituisce una sorta di piccola città all'interno della città, mentre altri contribuiscono soltanto a delinearne le varie borgate.
Tra i suoi landmark principali, l'imponente castello che domina la città, il Klementinum in città vecchia con il suo celebre centro di ricerca sui fenomeni elettromagnetici, il Ponte Carlo e la piazza principale, con il grande orologio astronomico.

    Nessuna sessione attiva
    Staré Město: la città vecchia

    Tra le zone più antiche ad essere popolate al di là del fiume rispetto al nucleo del Castello, la cosiddetta Città Vecchia venne fondata nel XIII secolo ed inizialmente ospitò immigrati dall'Italia e dalla Germania, oltre ad ebrei e borgognoni. All'interno del quartiere, alcune vie conservano le vestigia delle antiche divisioni, come la Na Příkopě, la via del fossatello, che ricalcherebbe il fossato fatto scavare da Carlo V per separare la città dai quartieri nuovi.

    Josefov: il quartiere ebraico

    Celebre principalmente per la vicenda legata al golem di Praga, il quartiere ebraico è uno dei più antichi della città e deve il proprio nome all'imperatore Giuseppe II, che nel 1781 abolì le misure discriminatorie nei confronti degli ebrei.
    Celebri sono il vecchio cimitero (Starý Židovský Hřbitov), la sinagoga Pinkas in Siroká 3, e il quartiere cubista, con le sue stravaganti case ornate dai simboli delle più ricche famiglie ebree.

    Hradčany: all'ombra del castello

    Il quartiere del castello, con la sua successione di cortili, la torre delle polveri la cattedrale di San Vito e il giardino reale, dall'altra parte della stretta vallata delle vigne. Pur estendendosi per 151 ettari ed essendo stata una delle prime zone della città ad essere abitate, è relativamente poco popolata.

    Malá Strana: il quartiere piccolo

    Il Malá Strana, letteralmente piccolo quartiere, è tra i quartieri più antichi della città, adiacente al Castello e al distretto di Hradčany. Venne fondato nel 1257 attorno alla Malostranské náměstí, la piazza della chiesa di San Nicola: attraverso il Ponte Carlo, il quartiere si collega alla Città Vecchia (Staré Město) e alla Città Nuova.

    Vyšehrad: la roccia sul fiume

    La leggenda vuole che su questo promontorio roccioso avesse stabilito la propria residenza Libuše, la principessa veggente fondatrice di Praga; abitata intorno all'VIII secolo, la zona divenne un accampamento fortificato intorno al X secolo per poi trasformarsi in una vera e propria fortezza.

    Nové Město: la città nuova

    banner-quartiere-praga-nove-mesto Estesa a tappeto oltre il limite della città vecchia, la nuova città di Praga ingloba le vecchie municipalità circostanti fino ai limiti del parco naturale Klánovice-Čihadla e oltre.

    Chi è on-line

    Ci sono attualmente 0 utenti e 0 visitatori collegati.